EUROPA

ISLANDA

L’Islanda è un’isola con così tanta varietà di fenomeni naturali, da sorprendere chiunque: geyser, cascate, ghiacciai, vulcani, sono solo alcune delle meraviglie dell’Islanda.

“L’Islanda è un paese magico, con un’immensità di attrazioni naturali. Goditi questo viaggio con gli occhi di un bambino che scopre la grandezza delle cose per la prima volta e non dimenticarti mai che ciò che vedrai e proverai davanti all’immensità di Madre natura, non si può fotografare ed è la cosa migliore che ti porterai a casa.”

Sarà Perchè Viaggio

In quest’articolo troverai..

(Quello sotto è un indice! So che non è molto chiaro, ma se ti serve, usalo!)

SEI PRONTO? 

Continua a leggere o vai a tutti gli articoli sull’Islanda.

CONSIGLI

Che clima c'è in Islanda

Anche se non tropicale, il clima islandese non è freddo come si potrebbe pensare: in realtà in Islanda il clima è abbastanza mite, grazie all’influenza della Corrente del Golfo. La temperatura massima in estate varia da 15 C° a 20 C° circa. Nei mesi invernali, invece, si aggira attorno allo 0 termico nelle zone costiere, ma nell’entroterra le temperature possono abbassarsi notevolmente. Il clima islandese resta generalmente molto piovoso e ventoso in tutte le stagioni dell’anno.  La maggior parte del territorio dell’Islanda è di pochi gradi a sud del Circolo polare artico, quindi le giornate invernali sono molto brevi, a causa del fenomeno della notte polare e le giornate dei mesi estivi molto lunghe: a giungo si tocca l’apice con giornate in cui il sole resta in cielo per 21 ore. 

Il clima islandese è caratterizzato da 4 stagioni principali: la primavera, nei mesi di aprile e maggio, in cui può verificarsi comunque ancora qualche nevicata. L’estate che caratterizza i mesi di giugno, luglio e le prime settimane di agosto. L’autunno dura fino alla fine di ottobre e il resto dell’anno rappresenta il lungo inverno islandese, con il minimo di ore di luce nel mese di dicembre. Nonostante le temperature siano abbastanza miti, il vento, può essere davvero molto forte in Islanda. In realtà esso potrebbe essere uno dei principali nemici del tuo viaggio in inverno! 

P.s. Apri le portiere con attenzione, prima di far partire le cerniere a causa del forte vento.

organizzare un viaggio in Islanda fai da te

documenti necessari

Nonostante l’Islanda non faccia parte dell’Unione Europea, essa ha aderito allo spazio Schengen. Ciò significa che tutti i cittadini dell’Unione Europea possono entrare in questo Paese muniti di carta d’identità o passaporto validi per l’espatrio.
Visto: non necessario (per soggiorni inferiori ai 3 mesi). Le persone che intendono soggiornare per più di tre mesi nel Paese, devono iscriversi presso il Registro Nazionale.
Se sei residente in uno stato che non è membro dell’Unione Europea, la cosa migliore che puoi fare è contattare l’ambasciata islandese del tuo paese, per ottenere informazioni aggiornate sulle condizioni da soddisfare per entrare in Islanda. Puoi anche consultare il sito della Farnesina per tutte le informazioni di cui potresti aver bisogno. 

Patente: valida quella italiana.

MONETA, PAGAMENTI, FUSO ORARIO E PREFISSO

La moneta nazionale è la Corona islandese (ISK). Per un breve viaggio in Islanda, ti consiglio di non cambiare nemmeno un centesimo in contanti. Anche nel più sperduto negozio di paese, potrai pagare un caffè con i metodi di pagamento elettronici generalmente riconosciuti. Ti consiglio una carta di credito, che sarà anche necessaria per il noleggio dell’auto. Porta con te almeno un paio di metodi di pagamento differenti, per essere tutelati in caso di un qualunque tipo di problema.
Fuso orario: -1h rispetto all’Italia, -2h quando in Italia vige l’ora legale.
Prefisso per l’Italia: 0039
Prefisso dall’Italia: 00354

LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI

Geografia dell'Islanda

Dove si trova l’Islanda?

L’Islanda si trova tra la Gran Bretagna e la Groenlandia, appena sotto al Circolo Polare Artico. È situata nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico, tanto che la sua scoperta è avvenuta in modo completamente casuale, da un vichingo norvegese, che si stava dirigendo alle Isole Fær Øer.

Dove si trova l'Islanda

Geografia dell’Islanda

La mappa dell’Islanda, viene generalmente suddivisa in 8 aree geografiche. Ognuna di queste regioni ha davvero molto da offrire in termini di bellezza e fenomeni naturali.

Geografia dell'Islanda
Credits: Wikipedia

1.Reykjavík, la capitale dell’Islanda, è il primo luogo ad essere stato colonizzato. Il suo nome significa “baia famosa”. È una cittadina in cui vivono circa 120 mila persone.  Le cose da vedere a Reykjavík sono: la chiesa più grande d’Islanda Hallgrímskirkja; il museo delle balene Whales of Iceland; Sun Voyager un’enorme scultura in acciaio affacciata sul mare, rappresentante una barca vichinga; Höfði lighthouse, un faro completamente giallo dal quale ammirare una vista da togliere il fiato.

2.Suðurnes: se arriverai in Islanda con un volo internazionale, sarà proprio in questa regione che atterrerai, all’aeroporto di Keflavík. Quest’area è completamente di origine vulcanica e proprio qui ha sede la famosa Blue Lagoon, in cui potrai concederti un bagno a 39°C. Grazie alla sua posizione sull’Oceano, le nevicate sono meno frequenti rispetto al resto dell’isola.

3.Vesturland: gran parte della regione è costituita dalla penisola Snæfellsnes. È famosa per il Monte Kirkjufell e Deildartunguhver, la sorgente geotermica più potente del mondo. 

4.Vestfirðir (o fiordi dell’Ovest): è una regione completamente montuosa islandese con coste frastagliate e rocciose a delimitare i fiordi. Qui è possibile ammirare gli iceberg trasportati dalla corrente dalla Groenlandia. 

5.Norðurland vestra (o terra del nord-ovest): è la regione con meno abitanti in assoluto. È famosa per il forte vento.

6.Norðurland eystra (o terra del nord-est): è la regione in cui ha sede il vulcano Krafla: le sue eruzioni hanno segnato il territorio. Qui c’è il famoso lago Myvatn e potrai rilassarti nei Myvatn Nature Baths. È anche possibile vedere le cascate Goðafoss, Dettifoss e Sellfoss e anche l’area sulfurea di Hverir. Qui ti consiglio di soggiornare all’hotel Laxá, famoso per l’avvistamento (quasi certo) dell’aurora boreale in un soggiorno di almeno 3 notti. La cittadina più grande è Akureyri in cui c’è anche un aeroporto.

7. Austurland: questa immensa regione è divisa in 2 parti. La zona più fredda, in cui risiede parte del ghiacciaio Vatnajökull, e quella dei fiordi. Qui si trova anche il Parco nazionale Skaftafell e la famosa cascata Litlanesfoss.

8. Ultima, ma forse la più suggestiva, la terra del sud: la regione Suðurland. Qui c’è il promontorio di Dyrhólaey e la spiaggia nera. È la zona dei geyser e dell’imponente cascata d’oro, Gullfoss.

Dove si trova l'Islanda
Geografia dell'Islanda
Credits: Wikipedia

COM'È IL PAESAGGIO IN ISLANDA

Il paesaggio islandese è molto particolare: sembra scolpito per essere un deserto montagnoso di lava, proprio a causa delle eruzioni vulcaniche che hanno caratterizzato il paese. In particolare, la più significativa, è stata quella del 2010, che causò la chiusura di molti aeroporti europei, e rese necessario l’utilizzo di maschere anti-gas da parte degli abitanti.

Oltre ad essere la Terra del fuoco, l’Islanda è anche la Terra dell’acqua: troverai numerose imponenti cascate ed altrettanti ghiacciai, tra cui il più grande d’Europa: il Vatnajökull.

Tendenzialmente pianeggiante, con grandi distese e rilievi non troppo elevati. Poche case sparse qua e la: le stime calcolano circa una densità di popolazione di 3,09 ab./km² (per intenderci, in Italia è circa 200 ab./km²). Ad esclusione della capitale, Reykjavík, l’Islanda è caratterizzata da piccoli paesini.

Quando andare in Islanda

La prima cosa da fare è sicuramente acquistare il biglietto aereo. Ma, per fare questo, dovrai scegliere il periodo in cui visitare l’Islanda.

Non rinunceresti per nulla al mondo a vedere l’aurora boreale? Allora il periodo che dovrai scegliere è quello autunno/invernale (indicativamente da settembre a metà aprile), ovviamente, anche il più freddo. Non dimenticare che in Islanda, nei mesi di dicembre e gennaio, le ore di luce sono notevolmente ridotte (le zone più a nord si aggirano attorno alle 3 ore di luce al giorno).  

Preferisci il periodo più caldo, in cui i prati si tingono di un bel verde brillante e potrai dedicarti a tutte le attività all’aria aperta? Allora ti consiglio il periodo da fine aprile a metà agosto. In questa fase dell’anno potrai vivere l’Islanda nella sua completezza più totale, senza aurora, con molte più persone e prezzi degli alloggi esorbitanti. In questi mesi dell’anno però, puoi valutare di dormire in tenda, grazie anche alle molte ore di luce: il fenomeno del sole di mezzanotte, si verifica a nord del circolo polare artico e nei mesi estivi, il sole non tramonta mai. L’Islanda, viene sfiorata dal circolo polare artico e, dunque, il fenomeno è visibile anche qui. Controlla comunque le ore di luce per organizzare al meglio il tuo viaggio.

Una volta scelto il periodo, dai un’occhiata ai prezzi dei voli per Reykjavik Keflavik su Skyscanner.

Aurora boreale in Islanda

Nelle notti invernali islandesi, puoi andare a caccia di aurora boreale e, con molta probabilità, assistere ad uno spettacolo da togliere il fiato. I luoghi migliori in cui vedere l’aurora boreale in Islanda sono:
1- la laguna glaciale di Jökulsárlón, in cui l’aurora si riflette sui pezzi di ghiaccio;
2- il relitto aereo abbandonato;
3- ai piedi del monte Kirkjufell;
4- sotto ad ogni cascata.

Assistere a questo spettacolo di luci con vari colori danzare e volteggiare davanti ai tuoi occhi è a dir poco emozionante. Alcuni dicono che è un evento che cambia la vita e come spesso ripeto io, citando una frase famosa: “Io non sono più la stessa, da quando ho visto la lucentezza dall’altra parte del mondo.”

L’aurora boreale è uno dei migliori motivi per visitare l’Islanda in inverno. Ma non solo: è un paese di ghiaccio, vento e fuoco, in cui puoi assaporare albe e tramonti indimenticabili, che riflettono il rosa sull’acqua e la coltre innevata.  Per vedere l’aurora l’oscurità è richiesta: da settembre a marzo, avrai buone probabilità di vederla.

Ti lascio due articoli per approfondire: Aurora Boreale 2020: Periodo migliore per vederlaAurora boreale: dove e quando vederla.

Buona fortuna!

Dove alloggiare in Islanda

Il consiglio su tutti per un viaggio in Islanda che ti posso dare, è quello di prenotare le strutture in cui alloggerai con largo, larghissimo anticipo, soprattutto se il tuo viaggio si svolgerà nei mesi da giugno ad agosto.

Perchè ti dico ciò?

Quando si tratta di trovare un posto dove soggiornare in Islanda, gli hotel o le guest house possono essere molto costose a causa del basso numero di alloggi disponibili e l’elevato numero delle richieste. Tuttavia, ci sono anche modi diversi in cui soggiornare in Islanda: dalle fattorie, agli appartamenti, ai campeggi, ai minivan. 

Dormire in un campeggio in Islanda

I campeggi si trovano in quasi tutte le città e vicino alle principali attrazioni turistiche. Molto spesso non è possibile prenotare in anticipo un posto in campeggio.
Alloggiare in un campeggio con la roulotte, il camper o il minivan ha generalmente un costo che può raggiungere i 15 euro a persona. L’elettricità e le docce, spesso non sono incluse nel prezzo. Inoltre devi considerare che c’è anche una tassa di soggiorno di 333kr (circa 2 euro).

Se hai intenzione di alloggiare prevalentemente nei campeggi, ti consiglio di acquistare la camping card: al costo di 159 € potrai trascorrere fino a 28 giorni in uno dei campeggi inclusi nell’offerta. Dai un’occhiata al sito per saperne di più. 

Noleggio del mini van

Una scelta molto diffusa (e pratica) per un viaggio in Islanda è il noleggio dei mini van. Devi però sapere che anche se noleggerai un mini van, non potrai parcheggiarti in un prato deserto ed addormentarti come un bambino, ma sarai obbligato ad accedere ad un campeggio. Qui puoi trovare offerte da 29 euro al giorno.

Dormire in Hotel in Islanda

Gli hotel sono spesso difficili da trovare e soprattutto hanno dei costi spropositati. Generalmente puoi trovare hotel nelle città principali. L’unico in cui ti consiglio di pernottare (durante un viaggio invernale) è il Laxá Hotel a Myvatn, nel nord dell’islanda, in cui ti garantiscono l’avvistamento dell’aurora boreale in un soggiorno di almeno 3 notti. Tentar non nuoce, no?

Molti hotel chiudono nel periodo di Natale e Capodanno, anche se questa è una seconda alta stagione a Reykjavík (e la maggior parte degli hotel saranno aperti nella capitale);

Dormire nelle Guest House

Gli alloggi più diffusi (e che io ti consiglio per un viaggio in inverno) sono le Guest House: ce ne sono davvero di tutti i tipi. Puoi trovarne su Booking, ma anche su Airbnb (con uno sconto di 34 euro sul tuo primo viaggio). Generalmente sono case adibite all’alloggio dei turisti con bagno e cucina in comune. Oppure possono essere stanze in case di islandesi. In ogni caso, avrai modo di fare conoscenze sensazionali!

Cosa mettere in valigia

In Islanda esiste un famoso detto popolare:

If you don’t like the weather, just wait five minutes.” 
“Se non ti piace il meteo, aspetta cinque minuti.”

Dunque, con un meteo così lunatico, piovoso e ventoso, serve qualcuno che ti dica cosa portare per un viaggio in Islanda, soprattutto se il tuo viaggio si svolgerà nei mesi invernali. In linea di massima, però, è abbastanza intuitiva come cosa: una giacca anti vento ed anti pioggia è d’obbligo in tutte le stagioni ed il consiglio è quello di vestirsi a strati (anche in estate).

Ecco l’abbigliamento per un viaggio in Islanda:

1.L’indispensabile intimo tecnico;
2.Guanti touch e guanti da sci;
3.Berretta/paraorecchie;
4.Giacca anti vento e anti pioggia;
5.Tuta da sci:
6.Scarpe impermeabili e ramponcini;
7.Calze tecniche;
8.Scaldacollo;
9.Maglioni e pile;
10.Costume da bagno;
10 (+1) solo per ragazze: biancheria intima sexy!

Cosa vedere in Islanda

La capitale, e la città principale dell’Islanda, è Reykjavik, ma appena fuori dalla città, saranno molte le attrazioni naturali che potrai visitare: geyser, cascate, ghiacciai, vulcani, sorgenti eruttanti, acque termali, lagune glaciali, sono solo alcune delle meraviglie dell’Islanda.  

Eccoti qualche idea su cosa non dovresti perderti: 

1.Il Circolo d’Oro: il punto di partenza per eccellenza per organizzare un viaggio in Islanda. Qui potrai vedere il Thingvellir National Park, i geyser e Gullfoss, la cascata d’Oro;
2. Le cascate Seljalandfoss e Skógafoss;
3. Il promontorio di Dyrholaey e la spiaggia nera di Reynisfjara;
4. Il ghiacciaio Svínafellsjökull;
5. Il ghiaccio del Vatnajökull, la Diamond Beach e la laguna glaciale Jökulsárlón;
6. Le sorgenti eruttanti Hverir;
7. Il vulcano Hverfjall.

Un’escursione che ti consiglio di fare in inverno, è il tour all’interno delle grotte di ghiaccio. Approfondisci qui se ti va.

 

Info utili per il viaggio

Cosa aspettarsi in termini di turismo

Se hai intenzione di fare un viaggio in Islanda per cercare la pace dei sensi, immerso nella natura, devi sapere che non sarai MAI e dico MAI, solo.
“Come è possibile, scusa, Eleonora?  Ogni foto che ho visto scrivendo “Islanda” su internet, rappresenta natura incontaminata e selvaggia!!”

Hai ragione, ed hai tutta la mia comprensione! È quello che pensavo anche io. Alla prima meta del viaggio, però, mi ero già completamente ricreduta.  

Arriviamo al Thingvellir National Park molto presto (una delle prime tappe del Circolo d’Oro). Dopo circa un’oretta di auto, arriviamo. Siamo solo noi e un’altra coppia che sta scattando qualche foto al sole che sta per sorgere. Fantastico, è tutto bellissimo, la vista è pazzesca e ci lasciamo emozionare dalla nostra prima alba islandese. Dieci minuti dopo, due pullman scaricano un centinaio di turisti. Fine della favola. 

INDIVIDUI IN POSA IN OGNI DOVE. 

Scattare una foto sembrava una mission impossible. Allora come fanno ad esserci online tutte quelle foto senza persone? Tanta tanta, ma proprio tanta pazienza e un pizzico di fortuna. Una volta trovata l’inquadratura, bisogna aspettare il momento in cui tutti i “selfisti” sono fuori dall’inquadratura e scattare a ripetizione. Quindi armati di tanta pazienza… prima o poi anche i peggiori, capiranno di spostarsi! Un altro “trucchetto” è quello di arrivare alle attrazioni abbastanza presto al mattino, in modo di trovare poche persone.

P.S. L’Islanda è un paese magico, con un’immensità di attrazioni naturali. Ti garantisco che non saranno sicuramente i turisti a rovinarti quest’avventura! 

Quanto costa un viaggio in Islanda

In Islanda mangiare, dormire e viaggiare è costoso. Anche se ora vanta numerosi ristoranti, mangiare fuori è una delle attività più antieconomiche che puoi intraprendere: per una cena al ristorante non pensare di spendere meno di 40 euro a persona (senza avere la pancia neanche troppo piena!). Si può risparmiare facendo la spesa al supermercato (il logo dei supermercati BÓNUS con il maialino rosa, sarà abbastanza evidente): la scelta non è vastissima, ed i prezzi non sono troppo bassi, ma è un modo per spendere meno e riuscire a visitare questo paese meraviglioso, seppur puntando al risparmio! 

Non comprare l’acqua in bottiglia, porta con te una borraccia e riempila da qualsiasi rubinetto.
La pianificazione con largo anticipo (il più largo possibile) può aiutarti a risparmiare sugli alloggi, ma ricordati di non strafare con le distanze da percorrere. Se hai intenzione di visitare l’Islanda in estate, ricorda che le ore di luce sono molte: porta con te una mascherina per coprire gli occhi.

Ovviamente il costo di un viaggio in Islanda dipenderà dalla stagione in cui la visiterai, dal tipo di viaggio che farai e da quanto in anticipo prenoterai.

FAQ - Domande Frequenti

Ecco una raccolta delle principali domande sull’Islanda: ti sintetizzo qui le risposte, nella speranza che ti possano aiutare a chiarirti le idee una volta per tutte per organizzare il tuo viaggio!

Cosa vedere in Islanda?

1- Le 2 placche tettoniche, quella europea e quella americana che si dividono;
2- I Puffin, da fine aprile ad agosto;
3- L’aurora boreale, da settembre a marzo;
4- Un geyser eruttare;
5- Cascate ad ogni angolo: le imponenti Gullfoss e Dettifoss o le belle Seljalandsfoss e Skógafoss;
6- Il ghiacciaio più grande d’Europa, il Vatnajokull;
7- Un vulcano (da vicino): Krafla o l’imponente Hvannadalshnjúkur;
8- Le balene.

Quando andare in Islanda?

In generale, i mesi estivi, da giugno ad agosto, sono i mesi migliori per visitare l’Islanda: in questo periodo le giornate sono lunghe (lunghissime in realtà, fino a 21 ore di luce nel mese di giugno) e potrai dedicarti a varie attività all’aperto. Se desideri andare a caccia di aurora boreale o fare l’escursione nelle grotte di ghiaccio, dovrai andare in Islanda nei mesi da settembre a marzo (ma ricorda che le giornate saranno particolarmente corte, con il minimo nel mese di dicembre).

Cosa vedere in 10 giorni in Islanda?

In 10 giorni potresti valutare di fare il giro completo dell’Islanda, percorrendo la Ring Road. Ecco le tappe principali che ti consiglio di inserire nell’itinerario:

1 ° giorno: il Circolo D’oro Parco Nazionale di Thingvellir, Geysir, Gullfoss);
2 ° giorno – promontorio di Dyrholaey, santuario degli uccelli marini, Reynisfjara la spiaggia nera e il ghiacciaio Svínafellsjökull;
3 ° giorno – Jökulsárlón ed escursione (invernale) nelle grotte di ghiaccio;
4 ° giorno – Diamond beach e Egilsstaðir;
5 ° giorno – cascate Dettifoss e Sellfoss;
6 ° giorno – relax nei Myvatn Nature Baths e Hverir;
7 ° giorno – cascata Goðafoss e vulcano Krafla;
8 ° giorno – visita ad Akureyri;
9 ° giorno – Monte Kirkjufell;
10 ° giorno – Reykjavik.

Cosa fare in Islanda?

1- Fare il bagno nelle acque termali a 39°C:
2- Amirare l’aurora boreale danzare in cielo (in inverno);
3- Osservare le balene;
4- Guardare l’alba dal Parco Nazionale di Thingvellir;
5- Guardare il tramonto dal promontorio di Dyrholaey;
6- Guardare le pulcinelle di mare (in estate);
7- Visitare la capitale, Reykjavik;
8- Ammirare la laguna glaciale di Jökulsárlón;
9- Camminare dietro alla cascata Seljalandsfoss;
10- Entrare in una grotta di ghiaccio (in inverno) o camminare su un ghiacciaio.

Cosa mangiare in Islanda?

Kjötsupa – Zuppa di carne tradizionale di agnello;
Svið – Testa di pecora (eh già.. Ma non la troverai in tutti i ristoranti);
Plokkfiskur – Uno stufato di pesce;
Harðfiskur – Pesce essiccato;
Hákarl – Lo squalo fermentato (la carne viene sepolta sottoterra per 3 mesi e successivamente appesa per altri 3-4 ad asciugare. Molti turisti affermano che è una delle peggiori cose che abbiano mai mangiato. L’avresti mai immaginato??); 
Pylsur – Hot Dog;
Rúgbrauð – Pane di segale scuro proveniente da una sorgente termale.

Quando vedere l’aurora boreale in Islanda?

L’Islanda si trova praticamente nei pressi del circolo polare artico: il che significa che nei mesi da settembre a marzo, le notti saranno buie a sufficienza per permetterti di vedere l’aurora boreale danzare nel cielo. Ricorda che nei mesi di dicembre e gennaio c’è in corso la notte polare e il cielo sarà buio già dalle 16 del pomeriggio (o prima).

Che lingua si parla in Islanda?

In Islanda si parla l’islandese. Ma l’inglese è insegnato come seconda lingua e quasi tutti gli islandesi parlano fluentemente. Inoltre, la maggior parte di loro parla diverse altre lingue, tra cui danese, tedesco, spagnolo e francese, e accoglieranno con favore l’opportunità di esercitare le proprie abilità linguistiche.

Come spostarsi in islanda

Come spostarsi in Islanda

Ring Road Islanda

Il viaggio in Islanda senza un’auto, te lo SCONSIGLIO vivamente. Mi spiego meglio: in inverno è un opzione che escluderei a priori, in estate, invece, puoi anche valutare di viaggiare in bus. Anche se in estate, non te lo consiglio comunque, perchè organizzare gli spostamenti con i mezzi pubblici, cercando di non perderti la vera essenza dell’Islanda, è complicato. Nella zona del circolo d’Oro, a pochi chilometri da Reykjavik, ci sono molti bus che ti accompagnano nella visita di queste 3 attrazioni. Man mano che ci si allontana dalla città principale, però, gli spostamenti risultano sempre più radi e difficili.
Se i tuoi dubbi sul noleggiare un’auto o meno, si basano sulla difficoltà degli spostamenti a causa delle condizioni stradali, non ti devi preoccupare, perché gli islandesi hanno realizzato un efficiente sito che ti informa in tempo reale sulle condizioni delle strade. Approfondisci qui, se ti va. Il sito è molto utile per il tuo viaggio in Islanda, soprattutto in inverno, quando è fondamentale conoscere le condizioni della strada e, soprattutto, sapere se ce n’è una chiusa al transito sul tuo percorso (senza scoprirlo all’ultimo minuto, quando ormai sei davanti al cartello “closed”, sprecando un sacco di tempo).  Considera, però, che se volessi organizzare il tuo viaggio in Islanda con i mezzi pubblici, qui trovi la compagnia per organizzare i tuoi spostamenti con il bus.

VAI ALL'

Itinerario per un viaggio in islanda

.. ED INNAMORATENE FOLLEMENTE!

Scopri la guida completa sull’Islanda!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post (tranquillo, non ti stalkerizzerò (😂) e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento)

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 55 iscritti.

Manteniamo i tuoi dati privati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy completa.

Appunta l’articolo per dopo. Pinnalo!

Ti è piaciuto e soprattutto ti è stato utile quello che hai letto? Hai qualche domanda o suggerimento? Fammelo sapere nei commenti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

27 Condivisioni
27 Condivisioni
Share
Tweet
Share
Pin