148 Condivisioni

Perché viaggiare? Una domanda talmente profonda e intima, che chi ti risponde, non può che farlo con il cuore in mano. Sia che tu sia un viaggiatore, che un aspirante tale, adesso concediti qualche minuto di puro relax e con occhi un po’ sognanti leggi queste parole: ma stai attento! 

Buona lettura!

Viaggia amico mio

Viaggia amico mio, viaggia più che puoi.

Viaggia da solo, in coppia o in gruppo, ma viaggia. Lascia che l’esploratore che è in te, esca e si imponga con prepotenza. Viaggia quando sei felice, triste o annoiato. Viaggia quando cerchi qualcosa: un posto, una persona, un’emozione o semplicemente te stesso.
Viaggia ogni volta che hai tempo. Viaggia se sei in pensione. Viaggia nei weekend. Dormi poco e impara tanto. Torna più stanco di quando sei partito. Viaggia perché chi viaggia vive di più. Regalati un motivo per essere vivo.

Viaggia, amico mio.

Macina chilometri a piedi, in uno sporco treno o in un piccolo pullman. Viaggia con lo zaino pesante, ma il cuore leggero. Rotolati nella neve. Corri a piedi nudi sulla spiaggia. Fermati ad ammirare i colori del cielo della Lapponia. Conta le stelle in Africa. Ammira i tramonti, che illuminano tutto, e resta senza fiato.
Rimani in silenzio davanti alla danza dell’aurora boreale. Meravigliati delle bellezze della natura. Parti. Non importa per dove. Cinque minuti da casa o cinque ore di fuso orario, non fanno la differenza. L’importante è che viaggi.

Viaggia amico mio.

Fallo con gli occhi di un bambino che scopre la meraviglia delle cose per la prima volta. Viaggia se hai tanti o pochi soldi. Viaggia per aiutare e farti aiutare. Viaggia per scoprire che troverai sempre una mano pronta ad aiutarti. Viaggia per eliminare i luoghi comuni. Viaggia per toccare mani di tutti i colori, e sorridi sempre amico mio.
Non sentirti superiore. Non sei superiore. Non sei nato con il colore della pelle giusto. Perché non esiste un colore giusto o sbagliato. Esistono pelli, pelli più scure di altre per proteggere meglio dal sole.

Viaggia amico mio.

Viaggia perché viaggiare serve a scoprire che chi meno ha, più felice è. Viaggia per capire nuove culture, scoprire nuovi sapori e lingue. Insegna ai tuoi figli che non esiste cosa più bella che viaggiare con gli occhi lucidi e il cuore in mano.
Viaggia per te stesso, ma anche per gli altri. Viaggia per allargare i tuoi orizzonti e diventare una persona migliore. Viaggia per essere, non per apparire. Viaggia con il cuore in mano.
Viaggia per inciderti sulla pelle i sorrisi dei bambini di ogni parte del mondo che incontrerai. Viaggia senza pregiudizi, luoghi comuni o cose per sentito dire. Tocca con mano le realtà di tutto il mondo. Regalati emozioni, ricordi indelebili e una mentalità aperta.
A questo punto sarai ricco.
Ricco davvero.
Ricco di cuore.

Queste parole, uscite dalla mia mano come un fiume in piena, le dedico a te, ma anche a me.
Le dedico a te, viaggiatore, che ti sei ritrovato nelle mie parole.
Le dedico a te che vedi una bella differenza tra una semplice vacanza e un viaggio.
Le dedico a te che ogni giorno risparmi, fai sacrifici per permetterti quel viaggio: continua così, saranno soldi ben spesi.
Le dedico a te, che sai perfettamente che non è sempre facile partire: sembra una cosa così egoistica che ogni volta rinunci, rimandi sempre a un “momento migliore”, che purtroppo non è ancora arrivato.
Queste parole le dedico anche a te, che vedi tuo figlio partire e non lo capisci, vorresti che quei soldi li spendesse per costruirsi un futuro e che dovrebbe “mettere la testa apposto”.

Le ho scritte per me e per te, per ricordarci che la vita è adesso. La vita è là fuori e non possiamo sprecare il nostro poco tempo in un unico luogo. Viaggia amico mio, viaggia più che puoi perché viaggiare ti farà sentire incredibilmente vivo.

Potrebbe interessarti anche: Quando viaggiare è scritto nel DNA.

Perchè viaggiare: il pensiero di altri viaggiatori

Arrivata a questa parte dell’articolo, ho capito che mancava qualcosa: ho capito che mancava la vera essenza. Il viaggio è qualcosa di intimo e  molto profondo, ma soprattutto individuale. Ognuno viaggia con i suoi perchè e, in realtà, ho scoperto anche senza perchè. Qualcuno mi ha detto: “Semplicemente, perchè non farlo?”.

Per questo, ho fatto una “banale” domanda ad alcuni viaggiatori, ma le loro risposte sono state tutt’altro che banali. Ho raccolto quelle che più mi hanno colpito. Scoprile qui sotto!

"Perchè viaggi?"

"Viaggio perché mi piace, mi rilassa, mi diverte!"
Teresa
"Perche se non mi nutro di orizzonti, non mi sazio... di libertà!"
Andrea
"Per vedere, capire,conoscere e cercare di diventare una persona migliore."
Anna
"Per vedere nuove culture, paesaggi, per togliermi dalla vita di tutti i giorni, per essere felice. I viaggi mi rigenerano"
Daniela
"Perché è bello vedere e capire tutto ciò che è diverso da quello che ci circonda tutti i giorni. Io poi riesco a sentirmi a casa ovunque"
Anna Maria
"Perché no? Una vita stanziale mi renderebbe la mente “piatta” noiosa e priva di “sale”..."
Varinia
"Adoro visitare i luoghi, anche il paesino dietro casa...ma anche conoscere altre culture e assaggiare i piatti tipici"
Anna Maria
"Per non morire dentro"
Daniela
"Viaggiare mi allarga gli orrizzonti, conoscere culture diverse, si diventa piu' tolleranti con il mondo."
Annalisa
"Viaggiando apri cuore e mente...riesci a vedere culture e modi di vivere diversi ( o a volte simili) dai nostri...viaggiare aiuta ad imparare tanto...ed è così bello far parte,anche se solo per un pò, di un mondo diverso dal tuo."
Francesca
"Perché si allargano gli orizzonti e cadono tutti gli stereotipi."
Fabiana
"Perché abbiamo piedi e non radici."
Rosamaria
"Perché mi sembra senza senso vivere su questo mondo senza nemmeno provare a vederlo e conoscerlo di più. Vivere senza curiosità, senza scoprire cose e persone diverse da ciò a cui siamo abituati sarebbe un po’ uno spreco. Ho bisogno di visitare questo pianeta e di aprire la mente."
Sabrina

Un ringraziamento a tutti i Reporter di viaggio del gruppo Facebook che hanno risposto a questa domanda. So che spiegare pubblicamente perchè si viaggia (o si vorrebbe fare) non è semplice; per questo vi ringrazio ancora di più. Spero di essere riuscita a trasmettervi le emozioni che solo un viaggio mi sa dare e, soprattutto, aver dato un giusto impiego alle vostre parole, che mi hanno emozionato molto.

Grazie! 

E tu, perché viaggi o vorresti farlo? Ti sei ritrovato nelle mie parole e in quelle degli altri viaggiatori? Fammelo sapere nei commenti e condividi l’articolo se ti l’hai trovato interessante. A presto!

Appunta l’articolo per dopo, Pinnalo!

Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli? Iscriviti gratis!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post (tranquillo, non ti stalkerizzerò (😂) e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento)

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 77 iscritti.

Manteniamo i tuoi dati privati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy completa.

148 Condivisioni
2 commenti
  1. Emanuele
    Emanuele dice:

    Ciao Eleonora
    Bell’articolo,complimenti.
    Vuoi sapere perché mi piace viaggiare?
    Per dimenticarmi quello che sono e che rischio di essere.Perdere i riferimenti ogni tanto mi fa sentire piacevolmente perso.

    Rispondi
    • Eleonora Ongaro
      Eleonora Ongaro dice:

      Grazie Emanuele, sei troppo gentile.
      Wow, le tue parole sono davvero molto profonde. Ti auguro di sentirti piacevolmente perso ancora tantissime volte nella vita. È una sensazione da brividi..
      Ciao viaggiatore, grazie del tuo passaggio!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *