Mangiare a Zanzibar
AFRICA,  Zanzibar

Mangiare a Zanzibar: una delizia per il palato

Vuoi sapere se mangiare a Zanzibar si aggiungerà alla classifica dei posti peggiori in cui tu l’abbia mai fatto?
Spesso il motivo per cui si mangia male è la bassa qualità dei prodotti utilizzati. Vorresti essere rassicurato che, invece, a Zanzibar vi sia un’elevata qualità del cibo, tanto da riuscire a soddisfare il tuo (e più in generale, nostro) sofisticato palato italiano?

Senti già l’acquolina in bocca e non vedi l’ora di cominciare, vero? Mettiti seduto bello comodo allora e dedicami un paio di minuti di tempo libero: ti garantisco che mangiare a Zanzibar sarà una vera rivelazione!

Sei pronto? Iniziamo immediatamente! Ti auguro una buona lettura e sopratutto buon appetito. 

Mangiare a Zanzibar sulla spiaggia

Voglio iniziare togliendoti immediatamente ogni dubbio. A Zanzibar si mangia benissimo (e costa veramente poco). Ovviamente il prezzo varia in relazione al luogo ed alla fascia di prezzo del ristorante che sceglierai: se opterai per il resort di lusso, i prezzi non sono tanto diversi da quelli di un ristorante sulla spiaggia italiano. Se invece proverai un ristorante gestito dai locali, la variazione di prezzo sarà abbastanza rilevante. Generalmente tutti i ristoranti hanno il menù esposto all’esterno con i prezzi. Non farai fatica a trovare ristoranti locali sulla spiaggia, in cui mangiare con 7$.

In cucina utilizzano spesso spezie ed aromi, ma il sapore è davvero eccezionale e la qualità altrettanto. A Zanzibar il tempo scorre più lentamente e questo si concretizza anche, e soprattutto, nel momento della preparazione del cibo: tutto, ma proprio TUTTO, viene cucinato al momento.

Può capitare di dover aspettare più di un’ora per una zuppa. Ma tutto ciò, per una strabiliante zuppa… Niente scarto, niente spreco. A cosa si può ambire di meglio?

Tutte le verdure vengono lavate, tagliate e cotte al momento. Con il tempo imparerai ad apprezzare l’attesa perché il sapore ne beneficia senza ombra di dubbio!

POLE POLE (“lento lento”, come si dice in Swaili). Sei in vacanza! I piatti che più troverai saranno prevalentemente a base di pesce o verdure. 

Potrebbe interessarti anche: Zanzibar: marea ed alghe.

Mangiare a Stone Town

Il discorso si rovescia completamente se deciderai di mangiare nella capitale di Zanzibar, Stone Town. Quì i luoghi in cui mangiare sono abbastanza disparati e puoi trovare ristoranti per tutti i tipi di palati. C’è anche un’intera area dedicata allo street food zanzibarino, Parco Forodhani, con molte bancarelle tra cui poter scegliere.

Se ti trovi a Stone Town ti consiglio di visitare il mercato della città, il Darajani Market. Un tripudio di colori e odori, a volte buoni, altre meno. Qui puoi vedere la vita vera della gente del luogo. Una visita che si può fare da soli, fermandosi ad ammirare ogni dettaglio. 

Un luogo davvero affascinante!

La mia conclusione

Mangiare a Zanzibar è un tour di sapori, aromi e profumi che non dimenticherai facilmente. Al di là della qualità delle freschissime materie prime impiegate, il metodo zanzibarino per cucinarle, le rende ancora più eccezionali! Dopotutto, sapresti dirmi su due piedi il nome di un ristorante italiano che cucina tutto al momento? Io no! Si punta sulla velocità per guadagnare di più, cosa che invece nell’isola che non c’è, come piace definirla a me, non esiste..

Non sai da dove iniziare per organizzare il tuo viaggio a Zanzibar? Parti da qui.

Appunta l’articolo per dopo, Pinnalo!

Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli? Iscriviti gratis!

Iscriviti a Sarà Perchè Viaggio tramite mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post (tranquillo, non ti stalkerizzerò (😂) e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento)

Unisciti a 96 altri iscritti

Ti è piaciuto quello che hai letto?
[Totale voti: 28 Media: 5]

Fondatrice del blog Sarà Perchè Viaggio. Amante della Norvegia e aurora boreale dipendente. La mia vita ruota attorno a 3 cose: esplorare, sognare e scrivere.

Rispondi

38 Condivisioni
Condividi
Tweet
Condividi
Pin