Lago di Tovel: Come Arrivare, Dove Parcheggiare e Alloggiare

Lago di Tovel

Hai deciso di trascorrere qualche giorno nella Val di Non, magari per visitare i meravigliosi castelli del Trentino, ma poi hai capito che avevi bisogno anche di un po’ di relax, magari proprio in montagna? Se le cose stanno così, quello che fa al caso tuo è il lago di Tovel. Un lago alpino, conosciuto per una particolarità: il colore rosso delle sue acque. “Come, come, come??  Stai insinuando che esiste un lago di montagna di colore rosso, Eleonora?” In realtà…sì e no! Leggi i prossimi paragrafi per scoprire alcune curiosità sul Lago di Tovel: come raggiungerlo, dove parcheggiare e perché è conosciuto per avere le acque di colore rosso. Come dici, non stai più nella pelle? Perfetto, allora non mi resta che augurarti una buona lettura!

Lago di Tovel: indice

  • Come arrivare al lago di Tovel in macchina
  • ...
  • Mappa del lago: dove si trova
  • Hotel vicino al Lago di Tovel in cui dormire
  • Dove parcheggiare
  • La navetta per il lago di Tovel
  • Cosa fare al lago di Tovel
  • Escursione al Lago di Tovel
  • Il lago di Tovel è davvero rosso?
  • La leggenda del lago
  • Domande frequenti

    Come arrivare al lago di Tovel in macchina

    Quando la neve inizia a sciogliersi, ad inizio primavera, il numero di visitatori aumenta di giorno in giorno. Ci sono alcuni parcheggi dislocati lungo la strada per raggiungere il lago, spesso gestiti dalla polizia a causa del vasto numero di turisti. Il parcheggio più in alto, vicinissimo al lago, è spesso al completo. I parcheggi sottostanti, consentono l’accesso al lago dopo un sentiero (in salita, non posso negarlo) di una mezz'oretta circa, ma nel complesso nulla di impegnativo (ovviamente se hai oggetti ingombranti o passeggini, puoi salire fino al parcheggio più vicino al lago per scaricare tutto). Il lago è raggiungibile anche in inverno, quando si trasforma in un suggestivo paesaggio innevato e silenzioso in cui ritrovare sintonia con se stessi, salvo chiusura della strada a causa di forti nevicate o ghiaccio.

    Lago di Tovel

    Per raggiungere il Lago di Tovel in auto, da Tuenno, situato a pochi chilometri dal lago di Santa Giustina, si imbocca la deviazione verso la Valle di Tovel. Generalmente chiunque può percorrere questa strada (asfaltata), ma durante l'alta stagione estiva possono accedervi solo le persone che hanno preventivamente prenotato il parcheggio per il lago. Continua a leggere per scoprire dove farlo.

    Mappa del lago: dove si trova

    Il lago di Tovel è un lago di montagna, incastonato tra le vette del Trentino-Alto Adige. Si trova ad un'altitudine di 1178 m s.l.m. ed è anche conosciuto come “lago degli orsi”, proprio per i numerosi avvistamenti di orsi bruni in quella zona. Guarda la mappa qui sotto, per capire meglio dove si trova:

    Hotel vicino al Lago di Tovel in cui dormire

    Se vuoi trascorrere qualche giorno di relax sulle sponde di questo magnifico lago alpino, dedicarti ad attività nella natura, oppure a scoprire alcune cose da vedere in Val di Non, dovresti prendere in considerazione di soggiornare allo Chalet Tovel. Questa struttura ristrutturata si trova proprio a poca distanza dal lago, che è possibile raggiungere in meno di un minuto a piedi. Le camere in stile alpino odorano di legno fresco. La cucina ti stupirà con i suoi sapori autentici, ma in chiave moderna e le montagne attorno al lago regaleranno panorami mozzafiato. Soggiornando allo Chalet Tovel avrai a disposizione il parcheggio gratuito, quindi ti suggerisco di non considerare le informazioni che troverai all'interno dell'articolo inerenti al parcheggio. 

    Essendo questa struttura l'unica in una posizione così privilegiata rispetto al lago di Tovel, ti suggerisco di non perdere tempo e verificare la disponibilità per le tue date.

    Hotel con spa vicino al Lago di Tovel

    Se quello che cerchi è invece un hotel con spa vicino al Lago di Tovel, dovrai spostare la tua ricerca nella zona del lago di Santa Giustina. Da qui sarai distante dal lago una ventina di km circa.

    Dove prenotare il parcheggio per il Lago di Tovel

    I biglietti per il parcheggio possono essere acquistati in loco, ma sono soggetti a disponibilità. Per evitare problemi puoi acquistarli online, attraverso questa piattaforma fino alle 07:00 del giorno stesso. Ricorda però che le aree di sosta sono gestite solo da giugno a novembre. In ogni caso troverai date specifiche sul sito che ti ho indicato.

    Potrai scegliere tra 5 diversi parcheggi:

    1. Parcheggio Capriolo: distante circa 6 km dal Lago di Tovel, che si raggiunge in circa 2:30 h di camminata. Costo parcheggio auto € 6 (lun-ven) – € 8 (sab – dom).
    2. Parcheggio Tamburello: un po' più vicino rispetto al capriolo, dal quale si raggiunge il lago in 2 h dopo 5 km di sentiero. Costo parcheggio auto € 6 (lun-ven) – € 8 (sab – dom).
    3. Parcheggio Glare: da qui è possibile raggiungere il lago in circa 1:30 h percorrendo 3 km. Costo parcheggio auto € 7 (lun-ven) – € 9 (sab – dom).
    4. Parcheggio Lavacel: è il secondo in termini di distanza dal lago di Tovel, raggiungibile in meno di un'ora a piedi. Qui è dove possono parcheggiare i camper. Costo parcheggio auto € 7 (lun-ven) – € 9 (sab – dom). Camper € 18.
    5. Parcheggio al lago (non a caso il nome): è situato appena sotto il lago, ma il piccolo tratto per giungere sulla riva del lago è in salita. Costo parcheggio per le auto € 8 (lun-ven) – € 10 (sab – dom).

    La navetta per il lago di Tovel

    Puoi prenotare la navetta per raggiungere il lago comodamente su questa piattaforma. Il prezzo è davvero onesto (si parla di pochi euro), quindi è una soluzione che ti suggerisco di prendere in considerazione se non avessi l'auto o non avessi trovato parcheggi disponibili.

    Cosa fare al lago di Tovel

    Puoi scegliere di fare il giro del lago in circa un'ora e mezza, ma sono parecchi i percorsi nei dintorni. Ad esempio, puoi scegliere di concederti un percorso enogastronomico nel rifugio vicino al lago: dimentica la concezione di rifugio di montagna, qui il livello è davvero alto. Un ottimo ristorante quello dello Chalet Tovel, perfetto per rifocillarsi dopo una passeggiata in montagna, con dei formaggi locali o del pesce di lago (verifica le date di apertura stagionale). Insomma, il Lago di Tovel è un ottimo posto in cui rilassarsi, immerso nella natura e nell’ottimo cibo!

    Lago di Tovel uno smeraldo (rosso) nella Val di Non

    Escursione al Lago di Tovel

    Puoi raggiungere il Lago di Tovel a piedi percorrendo il sentiero delle Glare. Questo percorso parte dal Ristorante e Pizzeria Al Capriolo di Tuenno, vicino all'omonimo parcheggio, il più distante dal lago. Il sentiero viene così chiamato, perché parte del suo tragitto si sviluppa in una zona ricca di detriti, frutto di una frana, per questo chiamata “Glare”. Il sentiero passa dai boschi ai paesaggi quasi lunari, ricchi di rocce biancastre, circondati da imponenti cime. Passando dal sentiero delle Glare, si raggiunge il lago di Tovel percorrendo 5,6 km con un dislivello di 400 m circa, in 2:30 h. Dai un'occhiata al tragitto su google maps qui sotto se vuoi.

    Potrebbe interessarti leggere anche: 15 Hotel con spa in Trentino Alto Adige (Incredibili).

    Il lago di Tovel è davvero rosso?

    Ora voglio rispondere ad una domanda che affligge molti avventurieri che hanno letto o sentito qualcosa riguardo al lago di Tovel. In realtà lo era (rosso, intendo). Fino al 1964, in estate, le sue acque si tingeva di un rosso intenso. Ma perché questo accadeva? Per fortuna sono intervenuti gli scienziati a darci una spiegazione (ma già avrai immaginato le leggende che negli anni sono state costruite attorno a questo fenomeno): il colore rosso assunto dal lago era causato da una grande quantità di un particolare tipo di alga rossa, che aveva trovato nel Lago di Tovel l'habitat ideale per proliferare. Immagina che cosa suggestiva fosse, osservare un lago color rosso sangue. Lo sarebbe sicuramente anche oggi, sicuramente, ma essere rincuorati essere tutta colpa di una “semplice” alga, è stato un bel sollievo. Tra poco ti rivelerò anche la leggenda più famosa che si vociferava sulle sue sponde.

    lago di tovel rosso
    Foto di TrentoToday

    Perché oggi il lago non diventa più rosso?

    Dopo anni di studi, si è capito che l’alga colpevole del colore rosso, è ancora presente nel lago, ma in maniera ridotta. In più, si pensa che la fioritura dell'alga che provoca l'arrossamento, richieda determinate condizioni sia di temperatura dell'acqua, che biologiche ottimali. Uno studio condotto nell'ultimo decennio, ha identificato che questo tipo di alga necessita di elevate quantità di fosforo ed azoto per proliferare. La spiegazione migliore della mancanza dell'arrossamento delle acque del lago di Tovel, è attribuibile al cambiamento delle abitudini di pascolo dei contadini delle vicine malghe. Infatti, il letame degli animali che prima pascolavano lungo le sponde del lago, conteneva grandi quantità di fosforo ed azoto. Si pensa anche che la causa principale dell’alterazione del suo ecosistema, sia dovuta ad un eccessivo svaso delle acque del lago effettuato nell'estate del 1964 per far fronte alla siccità per irrigare i famosi meleti della Val di Non.

    Purtroppo nulla è ancora certo sul perché il Lago di Tovel non si tinge più di rosso, ma il fenomeno è ancora sotto studio: al centro del lago è stata installata una piattaforma per monitorare le variazioni che avvengono nelle sue acque e chissà che un giorno si ripresentino ancora le condizioni ottimali.

    La leggenda del lago

    Sul Lago di Tovel sono stati scritti molti libri perché alla fine ammettiamolo.. un lago rosso ha decisamente il suo fascino, forse anche dato dal mistero che lo avvolge. Per spiegare questo strano fenomeno, gli abitanti del Trentino, scrissero una leggenda.

    La leggenda narra la storia della principessa Tresenga. La principessa viveva nei pressi del Lago di Tovel ed era la figlia dell’ultimo re di Ragoli (un comune in Trentino-Alto Adige). Come di consuetudine, ella era molto bella e era contesa da molti pretendenti, che lei puntualmente rifiutava. Uno di loro, Lavinto, re di Tuenno, non si rassegnò e quando le sue offerte vennero respinte per l'ennesima volta, inviò un esercito contro Ragoli. Tresenga e il suo popolo si rifiutarono di sottomessi all'arrogante re di Tuenno e, seppur inferiori in forza e numero, risposero all'attacco. La battaglia ebbe luogo sulle rive del lago e vide i paesani di Ragoli soccombere sotto i colpi dei soldati di Tuenno. 
    Tresenga alla fine trovò la morte per mano di Lavinto, che la uccise con un colpo di spada.  Alla fine della battaglia il lago era rosso per il sangue dei morti. Si dice che ogni estate le acque del lago si colorano di rosso per ricordare il coraggio degli abitanti di Ragoli e della loro principessa che ancora oggi, la notte, si siede sulle rive del lago a piangere per la sorte della sua gente, che invano aveva tentato di salvare.
    Lago di Tovel Trentino

    Potrebbe interessarti leggere anche: Ponte tibetano in Val di Rabbi.

    FAQ - Domande Frequenti

    1 – Dove si trova il lago di Tovel?

    Il Lago di Tovel si trova in Trentino-Alto Adige ed è in provincia di Trento. Più precisamente si trova a circa 70 km da Bolzano e a 100 km da Riva del Garda. Fa parte della Val di Non ed è anche conosciuto come il “lago degli orsi” a causa dei frequenti  avvistamenti nella zona del Parco Adamello Naturale del Brenta, in cui si trova.

    2 – Dove dormire al lago di Tovel?

    A soli 300 metri dalla riva del lago puoi dormire allo Chalet Tovel svegliandoti proprio a due passi dal lago. Oppure, puoi spostarti un pò e dormire all'Albergo Tuenno, situato a soli 10 km dal lago. In ogni caso, il relax è assicurato!

    3 – Dove mangiare al lago di Tovel?

    A pochi passi dal Lago di Tovel puoi concederti un ottimo pasto allo Chalet Tovel, ma valuta di prenotare nei periodi di alta stagione, perché potresti dover aspettare a lungo.

    Spero che questo articolo ti sia stato utile per scoprire qualche curiosità e informazione pratica sul Lago di Tovel. E tu, sei mai stato al lago di Tovel? Lascia un commento se ti va di condividere la tua esperienza. E non dimenticare di condividere l’articolo se l’hai trovato interessante. Grazie per aver letto fino a qui ed esserti affidato ai consigli di Sarà Perchè Viaggio, a presto.

    Appunta l'articolo per dopo, Pinnalo!

    Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli? Iscriviti gratis!

    Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post: non ti preoccupare, non ti scriverò spesso e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento (ma sono fiduciosa che non ne sentirai il bisogno 🙂).

    Iscriviti alla newsletter e unisciti agli altri 2.975 viaggiatori e viaggiatrici.

    Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy completa.

    Confermo d'aver preso visione *
    6 commenti
    1. Cinzia
      Cinzia dice:

      Ciao, io sono stata in questo posto magico, insieme con amici e mio marito abbiamo percorso tutto il sentiero che circonda il lago. Ho fatto la piccola torre in sassi per ricordarne il mio passaggio, poi la sera abbiamo cenato allo chalet, meraviglioso. Ora che ho letto anche la sua strana storia mi sembra una gita più completa, grazie!!!!

      Rispondi
      • Eleonora Ongaro
        Eleonora Ongaro dice:

        Eh sì Sara, sei proprio fortunata. Appena posso torno nella vostra valle, soprattutto quando ho bisogno di riprendere energie stando a contatto con Madre Natura. Hai qualche bel posticino, magari poco conosciuto e simile al Lago di Tovel da consigliarmi? 🙂

        Rispondi
    2. Chiarini Mariarosa
      Chiarini Mariarosa dice:

      Conoscevo il lago di Tovel fin dagli inizi e invito tutti quelli che non lo conoscono di fare questa magnifica esperienza. Grazie per avermelo ricordato

      Rispondi
      • Eleonora Ongaro
        Eleonora Ongaro dice:

        Grazie del tuo commento Mariarosa! Sì, il lago di Tovel è un luogo dalla pace palpabile e la sua “strana” storia, lo rende ancora più affascinante. Spero di essere riuscita a farlo conoscere a molte altre persone. Ci mancherebbe, per me è un piacere. Grazie a te! 🙂
        A presto
        Eleonora

        Rispondi

    Lascia un Commento

    Vuoi chiedere un consiglio, toglierti qualche dubbio o condividere un pensiero?
    Scrivilo qui sotto, siamo tutti orecchi - o meglio - occhi! 👀

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *