13 Condivisioni

Scommettiamo che le curiosità sulla Spagna che stai per scoprire, ti faranno venir voglia di partire in 3,2,1…? 

Nonostante li consideriamo nostri cugggini per via della vicinanza geografica e della lingua “uguale all’italiano, ma con una S in più”, chi crede di conoscere gli spagnoli e la loro terra (forse) deve ricredersi. Durante il mio viaggio ho scoperto ogni giorno una curiosità sulla Spagna che è riuscita ad affascinarmi. Ed oggi sono qui proprio per raccontarle a te, mentre sei bello spaparanzato. O forse non lo sei e allora ti consiglio di rimediare immediatamente!

Sei pronto a scoprirle tutte?

Beh, direi di non perdere ulteriore tempo prezioso e dedicarci alla scoperta delle cose tipiche spagnole, che rendono il suo popolo unico per quello che è ed estremamente affascinante

Tabella dei Contenuti

Il deserto in Spagna

Signore e signori, udite udite: in Spagna c’è l’unico deserto d’Europa.

Lo sapevi?

Io non ne avevo proprio idea prima del mio viaggio in Andalucía (e di documentari ne guardo ehhh). Il deserto di Tabernas si trova nella provincia di Almería, a circa 30 km dalla città.  Qui le precipitazioni non raggiungono i 250 mm annui. Il deserto in Spagna si estende per ben 280 km² e, la cosa più curiosa ed allo stesso tempo affascinante, è che qui sono stati girati moltissimi film come: Marrakech Express, C’era una volta il West e Il buono, il brutto, il cattivo. Gli spagnoli hanno poi deciso di sfruttare gli originali set cinematografici di questi film rimasti nel deserto di Tabernas, per creare dei parchi tematici in stile vecchio far west.

L’Almeria è la regione meno piovosa d’Europa

Sì, in realtà sto dicendo l’ovvio. Se nella provincia di Almeria c’è l’unico deserto d’Europa, è scontato che sia anche la regione meno piovosa d’Europa. La cosa simpatica, però, è che a differenza di quello che si potrebbe pensare, la città più piovosa della Spagna si trova proprio in Andalucía, per la precisione nella provincia di Cadice. La cittadella si chiama Pueblos Blancos e qui si registrano più di 2 metri d’acqua l’anno! 

In Spagna ci sono più fontane artistiche che potabili

Oggi voglio proprio guadagnarmi il primato di regina dell’ovvio. Non perché voglia vantarmene con amici e parenti, ma perchè è facile sottovalutare la situazione acqua soprattutto se il tuo viaggio si svolgerà nella regione più arida della Spagna, l’Andalucía. Il caldo è debilitante, parti per le tue escursioni con molta, moltissima acqua nello zaino e, se non vuoi caricarti troppo ti consiglio di acquistare una borraccia filtrante come questa

In Spagna ci sono le piantagioni di cotone

Sapere di poter vedere le piantagioni di cotone è stata una di quelle curiosità sulla Spagna che avrei voluto sapere prima della mia partenza. Mi sono imbattuta per caso in distese immense di piantagioni di cotone durante il periodo di massima fioritura e ne sono rimasta estremamente affascinata. 

Tra Cadice e Siviglia si possono trovare distese infinite, in cui restare fino al tramonto ad osservare i fiocchi di cotone che si tingono di arancione del cielo. La raccolta avviene tra settembre ed ottobre, quindi se visiterai l’Andalucía in quel periodo, occhi aperti perchè potresti trovarli nella forma più smagliante!

Tarifa è una città simbolica della Spagna

Tanto per cominciare Tarifa (in Andalucía) è la città spagnola in cui si uniscono Oceano Atlantico e Mar Mediterraneo. Qui potrai passeggiare su una scogliera artificiale e passare esattamente tra il pacato Mar Mediterraneo ed il più agitato Oceano Atlantico. Non avrai dubbi di essere nel posto giusto: vedrai due strutture metalliche ai lati della passerella, che ti indicheranno la divisione.

Un’altra curiosità sulla Spagna, è che Tarifa è il punto più a sud d’Europa. Da Tarifa potrai non solo vedere l’unione tra Mar Mediterraneo ed Oceano Atlantico, ma anche guardare l’Africa. Proseguendo lungo la passerella della quale parlavamo prima (qui puoi vedere dove si trova su Google Maps) raggiungerai l’”Isola de Las Palomas”, distante solo 14 km dal Marocco. Purtroppo l’accesso a questo isolotto non è consentito, ma capirai immediatamente di essere di fronte al continente Africano.

Come se non bastasse, Tarifa è anche la città più ventosa d’Europa: questo è un paradiso terrestre per gli amanti del Surf o Kitesurf. Qui si possono fare anche escursioni per ammirare i cetacei.

Playa di Bolonia: la spiaggia con la Duna dichiarata Monumento Naturale

A pochi chilometri da Tarifa, c’è una spiaggia tanto selvaggia ed incontaminata, quanto particolare. Mentre passeggerai sul bagnasciuga di Playa di Bolonia, alla tua sinistra troverai l’Africa mentre davanti a te vedrai la duna alta 30 metri dichiarata Monumento Naturale. Ti consiglio di tenere le scarpe ai piedi, anche se si riempiranno di sabbia, perché salire sulla cima di una duna di sabbia può essere ancora più faticoso farlo a piedi nudi.

In Spagna c’è un fiume rosso sangue: il Rio Tinto

Non è una curiosità sulla Spagna, ma un dato di fatto. In Andalucía, a pochi chilometri dal confine con il Portogallo, esiste un corso fluviale molto particolare. Le sue acque sono di colore rosso. Le rocce che lo circondano sono di un rosso tanto acceso da sembrare incandescenti e l’aria che si respira è pesante, odora di ferro e calore. Le acque del Rio Tinto scorrono dalle montagne della Sierra Morena, fino a Huelva, dove si gettano nel Mare.

Ma come mai le sue acque sono di un rosso così vivo?

Il fiume scorre su un sedimento di ferro e rame. Quando sono stata a visitare il Rio Tinto nel mese di ottobre, è stato difficile trovare dell’acqua, perchè il fiume era praticamente in secca. Se dovessi ritrovarti nella mia stessa situazione, ti consiglio di dirigerti a Nerva e risalire (letteralmente) il letto del fiume, fino a quando ti troverai davanti ad uno spettacolo come questo.

I tori che si vedono sulle colline spagnole

Durante un viaggio on the road in tutto il territorio spagnolo, non potrai non notare dei grandi cartelli neri rappresentanti il profilo di un toro, posizionati soprattutto a fianco della strada. Se ti fossi chiesto che diavolo siano e soprattutto a cosa servano, sappi che sto per rivelarti una curiosità sulla Spagna abbastanza interessante. La società Osborne Sherry, specializzata nella produzione e vendita di sherry e grappe, aveva installato questi tori vicino alle principali strade spagnole come affissioni pubblicitarie, con al centro la scritta “Osborne’.

Nel 1994 è entrata in vigore una legge che vietava tutta la pubblicità su strada di bevande alcoliche e quindi i tori dovevano essere rimossi. Nel tempo, però, questi tori erano diventati un simbolo della Spagna e la maggioranza della popolazione non voleva fossero rimossi. È stato quindi deciso di lasciarli, ma rimuovere la scritta pubblicitaria. Attualmente ne restano solo due con la parola “Osborne” ancora presente. Uno è all’aeroporto di Jerez de la Frontera e l’altro si trova nella vicina città di El Puerto de Santa María, dove Osborne ha la sede principale.

Gemasolar: torri illuminate che generano energia

Durante un viaggio on the road in Andalucìa, più precisamente nei pressi di Siviglia, potrebbe capitarti di vedere delle torri bianche, che emettono una luce anomala: sembrano quasi delle enormi spade laser. La bella notizia però, è che non si tratta di nessuna tecnologia aliena, bensì di un nuovo modo di trarre energia dal sole. Attorno a questa torre sono stati installati più di 2500 specchi, che convergono i raggi del sole sulla cima della torre, che li converte in energia.

Gibilterra è uno Stato inglese su territorio spagnolo

Se da bravo viaggiatore vorrai visitare Gibilterra, devi sapere che dovrai portare con te tutti i documenti necessari come se stessi cambiando stato (perché in effetti sarà proprio così che succederà). Dovrai passare la dogana in cui verrà controllato che tu abbia tutta la documentazione necessaria per passare il confine. Se vuoi evitare code, puoi valutare di lasciare l’auto in territorio spagnolo e passare il confine a piedi.

A Barcellona si parla.. catalano!

Una curiosità sulla Spagna abbastanza sconvolgente sto per rivelarti: a Barcellona non potrai sfoderare il Gracias spagnolo che con tutta fierezza ne hai imparata la pronuncia perfetta. Sarebbe meglio usare “Merci”. Esatto, proprio come in francese, ma senza l’accento. In Catalogna, la lingua ufficiale è lo spagnolo, ma il catalano viene usato quotidianamente. Nei supermercati e nei negozi, ad esempio. 

Scopri quali termini memorizzare in catalano nel mio articolo su Barcellona.

Alcázar: cosa sono?

Alcazár è un termine arabo, che in Spagna indica un tipo di fortezza edificate dagli arabi sul territorio spagnolo. Ne troverai moltissime in tutta la spagna. La più famosa, forse, è quella di Siviglia. Ma ne puoi trovare a Cordova, Madrid, Toledo, Segovia, ecc.

ONCE: la lotteria spagnola che aiuta i disabili

Passeggiando tra le vie delle città spagnole, potrebbe capitarti di vedere alcune cabine trasparenti, con all’interno un uomo che vende Gratta e Vinci. In realtà si tratta di una lotteria nata illegalmente e legalizzata successivamente dallo Stato spagnolo, che ha come intento quello di aiutare i ciechi e le persone con disabilità in generale. Potresti trovarli anche all’interno dei centri commerciali.

Ricorda di mettere "El Cinturón"

Se ti trovano in auto senza cintura, dovrai pagare immediatamente 100€ di multa, pena il fermo istantaneo del veicolo.


Non scherzano i poliziotti spagnoli:

se vedono che sei alla guida senza “El Cinturón” ti incoraggiano dolcemente ad accostare e ti stampano una bella multa da 100€. Se non dovessi avere soldi in quel momento, sarai costretto a lasciare loro l’auto e tornare a casa a piedi. Hai due alternative insomma: portare sempre con te almeno 100€ (ma tranquillo, potrai pagare anche con la carta) o mettere SEMPRE la cintura (anche per spostare di due metri l’auto dal benzinaio). 

Io ti avevo avvisato eh!

Cuscini uniti del letto matrimoniale

Tieniti forte e preparati a scoprire una delle cose più scomode sulla faccia della Terra: il cuscino UNITO del letto matrimoniale. Un’abitudine tipica spagnola, infatti, è quella di comprare un unico grande salsicciotto da mettere nel letto come unico cuscino. Le nottti in cui avevi la libertà di spostare il tuo cuscino come ti pareva, saranno solo un ricordo durante il tuo soggiorno in Spagna.

E soprattutto.. ricorda di non litigare con il partner, altrimenti ti toccherà dividere il cuscino a metà per andare a dormire sul divano. 

Spero che queste curiosità sulla Spagna siano riuscite ad affascinarti. E tu, ne hai altre da aggiungere? Lascia il tuo commento e condividile con noi se ti va!

Alla prossima! 

Appunta l’articolo per dopo, Pinnalo!

Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli? Iscriviti gratis!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post (tranquillo, non ti stalkerizzerò (😂) e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento)

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 77 iscritti.

Manteniamo i tuoi dati privati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy completa.

13 Condivisioni
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *