cose da sapere prima di un viaggio in Islanda
EUROPA,  Islanda

Cose (curiose) da sapere prima di un viaggio in Islanda

148 Condivisioni

Hai bisogno di raggruppare le idee sulle cose da sapere prima di un viaggio in Islanda perchè non sei ancora sicuro che questo luogo faccia per te? Sei curioso di scoprire le caratteristiche che rendono unico questo paese? Vorresti conoscere alcune curiosità (spesso bizzarre) di questa terra e dei suoi abitanti?

Allora direi di non perdere ulteriore tempo prezioso e di metterci subito all’opera. Ti assicuro che alcune curiosità islandesi sapranno lasciarti a bocca aperta. 

Ecco alcune curiosità sull’Islanda (e gli islandesi)

L’Islanda, la terra del fuoco e del ghiaccio, è diventata una popolare destinazione turistica negli ultimi anni. Ma cosa la rende così unica? Il suo territorio sicuramente lo è: sviluppata su 2 placche tettoniche, qui ci sono cascate ad ogni angolo e c’è il ghiacciaio più grande d’Europa.  Ci sono molti motivi che spingono i viaggiatori a visitarla ogni anno, ma questi fatti strani e interessanti sull’Islanda potrebbero sorprenderti..

1.La bandiera dell’Islanda

I colori nazionali dell’Islanda, che appaiono anche sulla bandiera, sono rosso, bianco e blu. Rappresentano gli elementi di cui è composta la terra: il rosso rappresenta il fuoco dei molti vulcani islandesi; il bianco simboleggia la neve ed il ghiaccio (il ghiaccio non è blu, ma questa è un’altra storia) e il blu per rappresentare l’Oceano dal quale è circondata.

2.Le zanzare non esistono in Islanda

Signore e Signori fermi tutti: quello che avete appena letto è tutto vero!

Mi sarebbe piaciuto tenerti un pò sulle spine, ma.. questa è una cosa assolutamente da sapere prima di una viaggio in Islanda. È una notizia sensazionale che merita di essere citata subito! Esiste al mondo un’oasi di pace: l’Islanda, l’unico paese dove le zanzare NON ESISTONO. Non ho detto che ce ne sono poche.. non esistono proprio! Avete capito bene: basta fastidiosi ronzii nelle orecchie e punture pruriginose come se ti avesse punto un calabrone gigante.

Ma perchè non esistono zanzare in Islanda? Potrebbe essere spontaneo pensare al freddo, ma devi sapere che le zanzare sopravvivono persino in Siberia. Quindi qual è il motivo? Probabilmente la causa sta nel suolo prevalentemente vulcanico dell’isola: questo fa in modo che non ci sia abbastanza umidità per permettere alle larve di sopravvivere.

Incredibile!

3.I vulcani in Islanda

In Islanda ci sono circa 130 vulcani, attivi e non. Il vulcano più particolare (e pericoloso) è il Grímsvötn. Si tratta di un vulcano subglaciale, ciò significa che la maggior parte di esso è nascosta sotto il ghiacciaio Vatnajökull. Gli islandesi ricavano dal calore nel sottosuolo circa il 25% del loro fabbisogno energetico. Per questo gli scaldabagni non esistono in Islanda: è stata realizzata una rete di tubi che passa in tutti gli edifici, che sfrutta il calore del sottosuolo.

4.Lo yogurt islandese

Sugli scaffali dei supermercati islandesi troverai delle confezioni che potresti pensare essere yogurt, ma non lo sono. Il Skyr ha il sapore (ma non la consistenza cremosa) di uno yogurt, ma NON è yogurt. In realtà è un formaggio a base di latte scremato pastorizzato e coltura batterica, simile allo yogurt greco.

5.McDonald’s non esiste in Islanda

Raro come le zanzare e gli scaldabagni: in Islanda, neanche nella capitale, troverai un hamburger di McDonald’s. McDonald’s ha chiuso il suo ultimo ristorante in Islanda nell’ottobre 2009. L’ultimo cheeseburger venduto è attualmente in mostra presso la reception del Bus Hostel: una curiosità non da poco sull’Islanda. Qui trovi un video che racconta di questo curioso episodio, dalla direttrice dell’ostello.

6.L’app per scoprire il grado di parentela tra islandesi

Facciamo un rapido calcolo: in Islanda vivono approssimativamente 360.000 persone (circa come in una città come Firenze) in un’area di 100.000 km². Per di più, il 60% di loro vive nella capitale, Reykjavík. Potremmo anche pensare di essere tutti figli di Dio, ma in Islanda sono tutti parenti, non c’è dubbio. Bisogna solo capire se il grado di parentela è accettabile per instaurare una relazione amorosa. E come fare? Per evitare di avere rapporti tra consanguinei, utilizzano un’app, “Islendingabók”, che li aiuta a capire il grado di parentela tra loro.

Semplice e geniale, ma forse poco romantico!

7.La birra era vietata in Islanda fino al 1989

In Islanda dal 1915 al 1989, era vietato il consumo di alcolici.  Ora, ogni 1° marzo, il paese celebra il “Bjórdagurinn” il “Birra Day” per commemorare la fine del divieto. Devi anche sapere che le bevande alcoliche sono vendute esclusivamente in negozi gestiti dallo stato chiamati Vínbúð. Gli scaffali dei supermercati, tuttavia, sono riforniti con varie marche di birra (quasi) economica: sono prodotti che mirano a replicare il gusto della birra eliminandone totalmente gli effetti inebrianti.
Molti viaggiatori non lo sanno, di conseguenza, non è raro vedere turisti che spingono vittoriosamente i carrelli della spesa pieni di birra (analcolica), ignari della vera natura del loro bottino.

8.Le terme in Islanda

Puoi nuotare all’aperto nelle sorgenti termali tutto l’anno, in Islanda. Queste piscine naturali sono aree geotermali con acqua che raggiunge temperature tra i 37 e 39 °C: le più famose si trovano a Grindavík e Myvatn. Se cerchi un pò di tranquillità, ti consiglio di optare per quelle di Myvatn, nel nord dell’isola. Qui puoi anche prenotare il tuo ingresso online.

Queste acque sono il luogo perfetto se cerchi un pò di relax, ma hanno anche proprietà curative non da poco conto. Quindi, non dimenticare il costume da bagno!

9.L’aurora boreale è visibile in Islanda da settembre a marzo

Non pensare di fare un viaggio estivo in Islanda e vedere l’aurora boreale, al contrario: essendo così vicina al circolo polare artico, nei mesi estivi è caratterizzata da molte ore di luce (fino a 21 ore di luce nel mese di giugno). I mesi da settembre a marzo, però, rappresentano il momento migliore per questo spettacolo di luci naturali, anche se ovviamente non è mai una garanzia. 

10.C’è una sola razza di cavalli in Islanda

organizzare un viaggio in Islanda fai da te

Si ritiene che quella del cavallo islandese sia una delle razze più pure del mondo. Potrai vedere questi animali in tutto il paese, anche nel bel mezzo di una bufera di neve. Si riparano mettendosi vicini tra di loro e sono noti per essere sia amichevoli che curiosi (e sempre pronti per un servizio fotografico). Un cavallo che abbandona l’Islanda, non può più farvi ritorno, per proteggere la specie.

11.I bambini schiacciano i pisolini all’aperto

I bambini in Islanda vengono sistematicamente lasciati fuori per fare un pisolino, non importa la temperatura esterna. Troveresti spesso le carrozzine fuori dai caffè, dai ristoranti. Questo è possibile grazie a un tasso di criminalità molto basso, praticamente nullo in Islanda.

12.Non esistono i cognomi in Islanda

Gli islandesi usano il tradizionale sistema di denominazione nordico, che include un cognome che è composto dal nome del padre (o della madre) con l’aggiunta di -dóttir (in caso di figlia) o -son (in caso di un maschio).

13.Piatti tipici islandesi

Gli ingredienti come il pesce e l’agnello, sono di qualità eccellente. I più intrepidi assaggiatori, potranno provare anche lo squalo putrefatto in Islanda. Il Kjötsúpa è una tradizionale zuppa di agnello piena di verdure invernali come cavolo, cavolfiore e carota.Che ci crediate o no, un  tipico cibo islandese è il pylsur, un hot dog composto principalmente da agnello con carne di maiale e manzo. 
Il brennivin è uno dei distillati islandesi più famosi: si traduce letteralmente in “vino che brucia”, ed è realizzato con patate fermentate e aromatizzato con semi di cumino. 

14.L’Islanda è l’ultimo paese ad essere stato insediato

L’Islanda è una delle terre più “giovani” ed è stato uno degli ultimi posti sulla terra ad essere insediato dagli umani. I vichinghi norvegesi scoprirono l’Islanda per caso. Naddoddr (l’esploratore) chiamò questa terra Snæland (Terra della neve). La fonte scritta più antica che cita l’esistenza dell’Islanda è un libro del monaco irlandese Dicuil, il De mensura orbis terrae, risalente all’825.

Non sai da dove iniziare per organizzare un viaggio in Islanda? Parti da qui.

Hai già acquistato il biglietto per l’Islanda? Non ancora?? Corri subito a farlo! L’Islanda è un paese magico, che non ti farà pentire sicuramente della tua scelta! 

Supporta il mio lavoro e se hai trovato interessante l’articolo, condividilo! Hai altre curiosità o cose divertenti da aggiungere sull’Islanda? Lascia il tuo commento qui sotto.

A presto.

Appunta l’articolo per dopo, Pinnalo!

Ti è piaciuto quello che hai letto? Vuoi essere aggiornato sui nuovi articoli? Iscriviti gratis!

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post (tranquillo, non ti stalkerizzerò (😂) e potrai cancellare l'iscrizione in qualsiasi momento)

Iscriviti alla nostra newsletter e unisciti agli altri 54 iscritti.

Manteniamo i tuoi dati privati e condividiamo i tuoi dati solo con terze parti che rendono possibile questo servizio. Leggi la nostra politica sulla privacy completa.

148 Condivisioni

Fondatrice del blog Sarà Perchè Viaggio. Amante della Norvegia e aurora boreale dipendente. La mia vita ruota attorno a 3 cose: esplorare, sognare e scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

148 Condivisioni
Share
Tweet
Share
Pin